« Torna agli articoli

Il Segno, luglio 2011

22 marzo 2012 | Marco Lanzani

Articolo pubblicato sul bollettino parrocchiale “Il Segno” nel mese di luglio 2011.

 

Con l’arrivo della bella stagione, anche la Polisportiva San Giulio si concede le meritate vacanze al termine della stagione sportiva 2010/2011. E’ stato un anno non privo di difficoltà perché non è sempre facile gestire al meglio ogni dettaglio che riguarda le diverse squadre, ognuna con età, esigenze e sensibilità diverse; ma con la disponibilità e la passione di dirigenti e allenatori, si cerca sempre il meglio per i ragazzi. La Polisportivaha sempre avuto un riguardo particolare verso i più piccoli, che infatti si iscrivono sempre più numerosi e rappresentano il nostro futuro.

Nella stagione appena conclusa, oltre all’aumento del numero di squadre e di tesserati, abbiamo anche raggiunto dei buoni risultati sportivi: alcune squadre si sono qualificate per le finali del campionato e la squadra degli Open a 11 (da 22 anni in su) è stata promossa nella categoria “Eccellenza”, la categoria più alta dei campionati CSI. Complimenti!

Come ormai da 10 anni, il mese di giugno ha portato con sé il torneo estivo “Smile Cup” svolto nei fine settimana di giugno con le categorie dei più giovani . E anche questo ha visto un incremento della partecipazione: 6 categorie con 30 squadre e circa 400 atleti partecipanti tra i 7 e i 18 anni. Durante questa manifestazione hanno fatto il loro esordio sul campo i bambini della squadra Under 9 (seconda elementare) e la serata finale delle premiazioni è forse il momento in cui all’oratorio ci sono più persone. Per la Polisportiva questo è un appuntamento importante che richiede un grande impegno organizzativo per contattare le squadre, organizzare le partite, gestire la cucina e far funzionare tutto senza intoppi; tuttavia con un impegno costante e la collaborazione di molte persone (dirigenti, genitori, ragazzi, amici, …) è facile trasformare questa occasione in un divertimento ricco di soddisfazioni e di emozioni. E’ bello vedere così tante persone provenienti da luoghi diversi e da realtà simili che si trovano insieme a gioire e soffrire per le piccole imprese dei loro ragazzi senza per questo credere di essere in uno stadio, o semplicemente per passare del tempo all’aria aperta, mangiando o bevendo qualcosa in compagnia.

Le attività sportive riprenderanno da settembre secondo le modalità abituali che saranno spiegate con dei volantini dedicati a questo.

+Copia link